Tanzania: 500 milioni dal passaggio all’epayment

log

Come riporta Forbes, un recente studio delle Nazioni Unite conferma come l’economia della Tanzania possa ricevere un impulso da 500 milioni di dollari ogni anno dalla trasformazione delle transazioni cash in pagamenti digitali. Come ha spiegato Ruth Goodwin-Groen, managing director di Better Than Cash Alliance (BTCA): “Molte economie emergenti sono alle prese con il tentativo di…

Pagamenti digitali su del 10%

pos

Il World Payments Report 2016 di Capgemini e Bnp Paribas registra, per il 2015, un incremento annuo del 10% nel mercato dei pagamenti digitali raggiungendo quota 426,3 miliardi di dollari di transazioni. Nei Paesi in via di sviluppo, l’incremento degli e-payment si attesta al 16,7% rispetto al +6% messo a segno dai mercati maturi che,…

Il tetto alle commissioni sulle carte lo paga il consumatore

carte

Come previsto anche da New Money, il tetto alla commissioni imposto dalla Ue sui pagamenti con carta sta cominciando anche in Italia a produrre una serie di aumenti che colpiscono esclusivamente in consumatore e non certi gli intermediari tra sistema bancario e utente finale. Come scrive CheBanca! Ai suoi clienti di Conto Tascabile: “Con il…

L’ultima videocassetta: la fine dell’analogico

vhs

Come racconta Repubblica, la “videocassetta oggi non è altro che un dinosauro dell’era analogica, ma negli anni 80 era il supporto principe per registrare video e vedersi i film in casa, comprati, noleggiati e persino copiati illegalmente. L’epoca gloriosa del VHS (video home system) è finita da un pezzo, ma si chiude definitivamente con l’annuncio…

Su il mobile banking, al palo le carte

sim

La Prealpina spiega come l’Italia sia ancora molto lontana dalle medie europee di utilizzo di carte di credito attraverso i dati di un’indagine condotta nei primi sei mesi del 2016 dal comparatore di prodotti finanziari Facile.it. Secondo l’indagine, la ricerca di conti correnti ha superato di tre volte quella relativa alle carte di credito. Un…

La musica digitale al 51%

dig

Come racconta anche Il Secolo XIX, per la prima volta nel mercato discografico italiano il digitale supera il fisico toccando il 51%. “Secondo i dati rilevati da Deloitte per Fimi, relativi al primo semestre del 2016, il digitale ha attuato il sorpasso grazie alla spinta dello streaming, che rappresentano il 40% del mercato totale e…